Valutazione diagnostica specializzata: l’assessment psicofisiologico

 

Il Servizio di Psicofisiologia offre una valutazione specialistica per i disturbi d’ansia, dell’umore, da stress e psicosomatici nell’adulto e nel bambino. La valutazione include colloqui diagnostici, somministrazione di questionari, una valutazione comportamentale e psicofisiologica nonché, quando opportune, valutazioni di approfondimento in contesti multidisciplinari e specializzati al fine di individuare, se indicato, il trattamento più appropriato.

 

L’elemento peculiare dell’assessment psicofisiologico è l’individuazione di reazioni disfunzionali (iper- o iporeattività) del sistema nervoso centrale, vegetativo e somato-motorio che si associano ai sintomi riferiti e possono sostenere il disturbo o evidenziare una predisposizione latente per esso. Se attuato precocemente, l’assessment psicofisiologico può contribuire a identificare situazioni a rischio e a influenzare la progressione del disturbo programmando interventi mirati.

 

L’assessment prevede la valutazione integrata di:

  1. Sintomi riferiti ed eventi psicologici: tono emotivo (ansia, depressione, ecc.), tensione, dolore riferito, difficoltà cognitive (ad es. di memoria o attenzione) rilevati tramite colloquio clinico o intervista e questionari, scale, o test.
  2. Comportamenti: attività quotidiane, posture, espressioni, rilevate tramite diari comportamentali o strumenti di osservazione e videoregistrazione.
  3. Reazioni somatiche: modificazioni che avvengono nell’attività di organi o apparati rilevabili attraverso sistemi di registrazione computerizzata, ad esempio attività elettromiografica (EMG), elettroencefalografica (EEG), cardiaca (ECG), ecc.

 

Il Servizio dispone delle più adeguate e moderne apparecchiature di rilevazione psicofisiologica, nonché dei programmi più aggiornati per l’analisi integrata di diverse funzioni.

 

L’assessment si svolge solitamente in due sedute.

Nella prima seduta si effettua un colloquio per l'inquadramento del problema; vengono valutati e/o richiesti tutti gli accertamenti necessari; vengono somministrati questionari utili per una diagnosi differenziale.

In una seconda seduta viene effettuata la valutazione psicofisiologica a riposo e in condizioni di attivazione controllata (test di attivazione). La scelta dei test è determinata sulla base delle caratteristiche del disturbo (ad esempio rievocazione o esposizione a situazioni specifiche, prove cognitive).

 

Come effettuare una valutazione

 

Per effettuare una valutazione può contattare il Servizio che programmerà un protocollo appropriato alla Sua richiesta. Al termine della valutazione, lo staff clinico La informerà e discuterà con Lei l’esito della valutazione e, se indicato, La indirizzerà al trattamento più adeguato.

Neurofeedback

Addestrare il cervello

Neurofeedback - Addestrare il cervello.p
Documento Adobe Acrobat 381.7 KB

Corsi

 

 

 

23 Giugno 2017

 

BIOFEEDBACK CORSO BASE

 

 

24 Giugno 2017

 

NEUROFEEDBACK:
L’INTERVENTO E LA RIABILITAZIONE IN NEUROLOGIA, NEUROPSICOLOGIA e SINDROMI DA DISCONTROLLO