A fronte di una situazione stressante l’organismo risponde mettendo in atto una serie di reazioni che hanno una funzione di difesa e di riadattamento. Se però tali reazioni sono troppo intense o protratte nel tempo, possono portare oltre che ad ansia o depressione, anche a disfunzioni di organi o apparati (circolatorio, gastrointestinale, ecc.) che, in seguito,  possono anche trasformarsi in patologie di interesse medico. Per questa ragione i disturbi psicofisiologici, una volta definiti psicosomatici, stanno acquistando sempre maggiore rilevanza clinico-sociale. Ne sono esempio l’ipertensione arteriosa essenziale, i disturbi cardiovascolari, le insonnie, l’asma. Le procedure di Biofeedback sono particolarmente indicate in questi disturbi in quanto permettono di apprendere la regolazione della funzione fisiologica disturbata (attività cardiaca, respiratoria, pressoria) e la modulazione dell'eccessiva reazione dell'organismo in condizioni di stress.

Neurofeedback

Addestrare il cervello

Neurofeedback - Addestrare il cervello.p
Documento Adobe Acrobat 381.7 KB

Corsi

20 Aprile 2018

 

IL NEUROFEEDBACK
IN AMBITO PSICOPATOLOGICO E NEUROPSICOLOGICO