Disturbi d’Ansia e Depressione

 

L’ansia è la normale risposta dell’organismo a situazioni di pericolo, ma può diventare un problema reale quando è eccessiva o dura troppo a lungo. In questi casi anche una comune situazione (parlare in pubblico, sostenere un esame, o partecipare ad una festa) può diventare uno sforzo notevole.

I sintomi d’ansia sono molto diffusi e si ritrovano in una vasta gamma di disturbi tra i quali il Disturbo d’Ansia Generalizzato, Ossessivo-Compulsivo, di Panico, da Stress Post Traumatico, e le Fobie. Spesso i disturbi d’ansia si associano a depressione.

Protocolli di regolazione emozionale-attentiva e interventi di biofeedback (ad es. per la regolazione della tensione muscolare o della frequenza cardiaca) o neurofeedback (ad es. per l’incremento dell’attività alfa dell’EEG) hanno dimostrato di poter contribuire alla riduzione dei sintomi associati all’ansia.

 

Sintomi di depressione, in particolare profonda tristezza, o un'alternanza di tristezza e esagerata esaltazione, perdita di interesse o piacere per le attività quotidiane, senso di colpa o autosvalutazione eccessivi, pensieri ricorrenti di morte caratterizzano la gamma dei disturbi dell’umore che comprendono, oltre alla depressione maggiore, il disturbo distimico (depressione persistente), il disturbo bipolare, e il disturbo ciclotimico.

Anche in questi casi si può intervenire combinando procedure cognitivo-comportamentali, di ristrutturazione del pensiero e dell'affettività negativa con protocolli di biofeedback o neurofeedback.

Neurofeedback

Addestrare il cervello

Neurofeedback - Addestrare il cervello.p
Documento Adobe Acrobat 381.7 KB

Corsi

20 Aprile 2018

 

IL NEUROFEEDBACK
IN AMBITO PSICOPATOLOGICO E NEUROPSICOLOGICO